Lo strumento parafrasi di Zulla si occupa di riscrivere un testo fornito dall’utente, rielaborandone la struttura sintattica. Per iniziare è necessario assegnare un titolo al documento e, una volta creata la struttura di base, è sufficiente aggiungere uno o più paragrafi tramite il tasto ‘+’ posto centralmente in cima alla pagina ed incollare o scrivere il testo di cui effettuare la parafrasi. La lunghezza massima supportata è attualmente di 500 caratteri. Salvato il testo e cliccando sul tasto di generazione, il paragrafo in questione sarà rielaborato da Zulla

Parametri

  • Titolo del documento: Il titolo del documento. A differenza di altri casi, questo titolo non influisce sulla generazione.
  • Tono di voce: Sono disponibili toni di voce più o meno formali per le diverse esigenze. E’ possibile provare diversi toni di voce per ottenere risultati più adatto per ciò che viene generato.
  • Lingua: La lingua di generazione scelta per l’elaborazione. Attualmente solo la lingua italiana è supportata.

Esempio

Titolo del documento
Pink Floyd, l’inquietante storia della scrittura di Wish You Were Here

Tono di voce
Accattivante


Nel 1975 i Pink Floyd entrano agli Abbey Road Studios di Londra per registrare il loro nono album, dopo lo straordinario successo di The Dark Side of The Moon. Continuano ad essere ispirati dal ricordo di Syd Barrett, fondatore del gruppo, travolto dalla pazzia e dall’abuso di droghe: è lui ad averli lanciati nella sperimentazione, ma la sua mente si perde proprio mentre la band arriva al successo, le sue visioni psichedeliche si portano via la sua capacità di suonare, di essere presente.
Nel 1975, i Pink Floyd registrano il loro nono album agli Abbey Road Studios di Londra. Hanno avuto un enorme successo con “The Dark Side of The Moon” e continuano ad essere ispirati dal ricordo di Syd Barrett, il fondatore del gruppo, che è stato travolto dalla pazzia e dall’abuso di droghe. Syd Barrett era stato capace di ispirarli con le sue visioni psichedeliche, ma la sua mente si era persa proprio mentre la band arrivava al successo

Il 26 gennaio 1968 esasperati dai suoi comportamenti sempre più folli e dalla sua incapacità di stare sul palco, i Pink Floyd decidono di non passare a prenderlo prima di partire per un concerto a Southampton. Syd Barrett esce dai Pink Floyd ma rimane nella loro memoria, come un fantasma che li insegue nel corso di tutta la loro carriera
Il 26 gennaio 1968, a causa delle sue sempre più folli azioni e della sua incapacità di stare sul palco, i Pink Floyd decidono di non portare Barrett con loro prima di partire per un concerto a Southampton. Barrett lascia i Pink Floyd, ma rimane nella loro memoria per sempre come un fantasma che li segue lungo tutta la loro carriera.

C’è una storia da brividi sulla registrazione di Wish You Were Here: i Pink Floyd sono ad Abbey Road, ad un certo punto entra un uomo che si siede tra loro con lo sguardo assente, dice qualche frase poi chiede: «Dove entro con la chitarra?» È grasso, pelato, irriconoscibile, ma è Syd Barrett. La band all’inizio non lo riconosce, poi capiscono che è lui, gli chiedono cosa ne pensa del pezzo che stanno registrando e lui risponde: «E’ un po’ vecchio».
Si racconta una storia spaventosa sulla registrazione di Wish You Were Here: i Pink Floyd sono ad Abbey Road, quando all’improvviso entra un uomo che si siede tra di loro con lo sguardo assente e chiede: «Dove entro con la chitarra?». Quest’uomo è grasso, pelato e irriconoscibile, ma è Syd Barrett. La band all’inizio non lo riconosce, ma poi capiscono che si tratta proprio di lui. Syd Barrett dice alla band: «È un po’ vecchio» riguardo il brano che stanno registrando.